Birra agricola Spera della Terra

La birra della speranza. Abbiamo scelto un falso frutto, la pera, sognando una speranza vera. Birra acida ad alta fermentazione, rifermentata in bottiglia. Succo di frutta per adulti, fruttata come una pera, fresca come un succo.  

A base di succo e polpa di pere, non filtrata e non pastorizzata.

6% alc.Vol.

"Birre della Terra" è una piccola azienda italiana, nata dalla fusione della fattoria Stonebreaker farm & brew di Umberto Sinigaglia e della Bionoc Dolomiti Craft Brewery di proprietà di Fabio Simoni e Nicola Simion. Il sogno era quello di creare una società autosufficiente ed eco-sostenibile basata sulle risorse disponibili, con linee guida chiare: metodi di coltivazione naturali, fusione di diverse pratiche agronomiche (biologico-biodinamico-permacolturale), sviluppo e conservazione della biodiversità locale, uso di leggera meccanizzazione agricola e di energie rinnovabili (i nostri impianti del birrificio e della malteria utilizzano energia certificata derivante dai bacini idroelettrici del Primiero), recupero delle acque e gestione sostenibile delle acque reflue. Dal 2017 Umberto coltiva quattro tipi di frumento, grano duro, orzo a distico, segale e farro spelta tutti, di propria selezione, non solo per la linea di birre locali di Bionoc, ma anche per la produzione dei suoi “Tesori della Terra”.

€5,50
Tasse incluse. Spedizione calcolata al checkout.

La birra della speranza. Abbiamo scelto un falso frutto, la pera, sognando una speranza vera. Birra acida ad alta fermentazione, rifermentata in bottiglia. Succo di frutta per adulti, fruttata come una pera, fresca come un succo.  

A base di succo e polpa di pere, non filtrata e non pastorizzata.

6% alc.Vol.

"Birre della Terra" è una piccola azienda italiana, nata dalla fusione della fattoria Stonebreaker farm & brew di Umberto Sinigaglia e della Bionoc Dolomiti Craft Brewery di proprietà di Fabio Simoni e Nicola Simion. Il sogno era quello di creare una società autosufficiente ed eco-sostenibile basata sulle risorse disponibili, con linee guida chiare: metodi di coltivazione naturali, fusione di diverse pratiche agronomiche (biologico-biodinamico-permacolturale), sviluppo e conservazione della biodiversità locale, uso di leggera meccanizzazione agricola e di energie rinnovabili (i nostri impianti del birrificio e della malteria utilizzano energia certificata derivante dai bacini idroelettrici del Primiero), recupero delle acque e gestione sostenibile delle acque reflue. Dal 2017 Umberto coltiva quattro tipi di frumento, grano duro, orzo a distico, segale e farro spelta tutti, di propria selezione, non solo per la linea di birre locali di Bionoc, ma anche per la produzione dei suoi “Tesori della Terra”.